SEZIONI NOTIZIE

AIC, Tommasi: "Vogliamo giocare, non decide però la maggioranza ma la comunità scientifica"

di Redazione Tutto Napoli.net
Vedi letture
Foto

A Radio Marte, nel corso di “Si Gonfia La Rete”, è intervenuto Damiano Tommasi, presidente dell’AIC, per fare il punto sulle trattative con la Lega: "La situazione è seria e ancora imprevedibile. Difficile da prevedere quando finirà, ma da alcune settimane abbiamo alcune certezze, ovvero quella che bisogna stare a casa, che non si può giocare a calcio e che non ci si può allenare.

Non si può tornare all’attività calcistica normale, anche perché in questo momento l’emergenza oltre che la Lombardia riguarda l’intero paese. Noi che ci occupiamo di calcio dobbiamo andare avanti e capire settimanalmente cosa si può fare e quali siano le posizioni. Oggi l’agenda non la dettiamo noi, né la Fifa, né la Uefa, ma la comunità scientifica, in base ai dati che arrivano quotidianamente da tutti i paesi. Ricordiamo che questa è una pandemia, non è un tema che riguarda Bergamo o l’Italia.

Maggioranza di calciatori non vuole ripartire? Non lo so, ma il problema è che ci si illude che il parere della maggioranza possa determinare le scelte. Conta quello che dice la comunità scientifica in base ai dati e alle misure che si devono contrapporre a essi. Inoltre sarà importante che la ripresa delle attività sia graduale e progressiva. Sul tema della salute dei ragazzi bisogna vedere se chi è stato contagiato ha qualche “cicatrice” o addirittura danni permanenti che possano comprometterne l’idoneità fisica per l’attività agonistica. E’ un tema da tenere sotto controllo, vedremo anche il protocollo che verrà formulato. Dovremo controllare non solo i calciatori ma tutti quelli che lavorano intorno. Anche per quanto riguarda i mezzi di trasporto, per esempio. Su questo ci stiamo lavorando, perché la sicurezza viene al primo posto. Non vediamo l’ora di metterci a lavoro e tornare a giocare. E’ fuorviante discutere di quanti club vogliano ripartire o meno, lo stesso per le Leghe, ripeto, non c’è un discorso di maggioranza.

PUBBLICITÀ

Taglio stipendi? Con la lega finora abbiamo avuto più discussioni attraverso i giornali che tra di noi, l’esito dell’assemblea di Lega ci darà un suggerimento su come andare avanti. Bisogna sottolineare i casi specifici, perché ad esempio chi è in scadenza non può avere lo stesso trattamento di chi ha un contratto di cinque anni. Le situazione individuali le deve sbrigare il club con i giocatori. Il nostro obiettivo è che società e calciatori trovino l’accordo, vogliamo aiutare le parti a essere in sintonia, non alimentari contrasti. Qualsiasi discorso di riduzione, spostamento o sospensione degli stipendi dipenderà anche dall’eventuale ripresa della stagione in corso. I calciatori sono disponibili a fare la loro parte, ma se dall’altra parte non c’è qualcuno disposto a fare la propria vuol dire che stiamo sbagliando qualcosa. Bisogna capire che tutti in questa fase dovranno perderci qualcosa.

Quando si parla di stipendi bisogna fare la differenziazione tra le categorie, ci sono quelle non professionistiche ma in cui di fatto ci sono calciatori che giocano a calcio come prima attività. Bisogna trovare il modo di tutelare al 100% queste fasce reddito. Il problema vero della Lega Pro è che non si può pensare di tagliare stipendi a cuor leggero, perchè lì sono necessari per la sussistenza.

Quella del Belgio per ora non è una decisione, ma una proposta, vedremo se si farà. In Olanda invece si vuole riprendere, ma poi hanno gli allenamenti sospesi fino a giugno. Il mio timore è quello di non riuscire in una ripresa graduale in italia, perché se appena appena si aprono le porte non seguiamo più le direttive della comunità scientifica si rischia di tornare al punto di partenza. La ripresa della stagione dipende dalla condizione del paese e non del referendum di favorevoli e contrari.

Multe Napoli? Quei giocatori che hanno deciso di consultare l’associazione li stiamo continuando a sentire, così come seguiamo i legali in causa. I diritti d’immagine sono legati anche agli accordi che i calciatori firmano con la società, che sappiamo essere diversi da altri club. I calciatori hanno aderito a queste norme, ma innanzitutto dobbiamo capire cosa è successo, fin dove si spinge la società e fin dove un giocatore è tenuto a rispettare le consegne. Come potete immaginare che anche questo tema è un pensiero da rimandare a più avanti".

Altre notizie
Domenica 07 giugno 2020
00:06 Rassegna Stampa PRIMA PAGINA - Tuttosport: "Inter, dopo Mertens sfuma anche Cavani" 00:04 Rassegna Stampa PRIMA PAGINA - CdS: "Napoli-Inter, l'accelerata di Gattuso e Conte" 00:00 Brevi Non solo Twitter e Facebook, Tuttonapoli è anche su Instagram: clicca e seguici!
Sabato 06 giugno 2020
23:44 Brevi Tmw - ADL ed il fatturato quasi triplicato, oscillazione dovuta a tre fattori 23:30 Le Interviste CdS, Barbano: "ADL non può continuare lo scontro con i broadcaster, serve un accordo"
PUBBLICITÀ
23:14 Brevi UFFICIALE - Rilasciata la licenza UEFA 2020/21: c'è il Napoli, mancano 4 club di A 23:00 Le altre di A Brescia-Balo, i retroscena: proposta la rescissione consensuale, rifiutata dal giocatore 22:45 Le Interviste Benevento, sindaco Mastella tuona: "Blocco retrocessioni? Pronti ad azioni legali" 22:29 Brevi Coronavirus, il bollettino della Campania: 4 nuovi contagi nelle ultime 24 ore 22:15 Brevi Coronavirus, dati ancora incoraggianti: i ricoverati in terapia intensiva scendono sotto quota 300 22:00 Brevi Strappo tra Lega e FIGC: tutto si può ricucire sciogliendo il nodo della quarantena 21:45 Le altre di A Accostato al Napoli, Commisso chiude su Castrovilli: "Mi ha detto che vuole restare" 21:30 Brevi Coronavirus, i dati per regione: 234.801 casi totali in Italia, gli attualmente positivi sono 35.877 21:15 Le Interviste Chiariello: "ADL ha chiarito ai calciatori che servirà qualche sacrificio..." 21:00 Brevi La quarantena resta di 14 giorni, il calcio studia il modello NBA per non fermarsi 20:45 Le Interviste Biasin: "Mertens ha sempre dato priorità al Napoli, ADL ha capito di avere un asso" 20:30 Calciomercato Milik, duello Milan-Juve: i bianconeri restano in vantaggio per il polacco 20:15 Le Interviste De Paola attacca Insigne: "Che brutto gesto sfoggiare quell'auto..." 20:00 Brevi Coronavirus, l'ultimo aggiornamento della Campania: i dati provincia per provincia 19:45 Napoli citta' Coronavirus, numeri positivi anche nella città di Napoli: zero nuovi casi e aumentano i guariti