Gazzetta, Cerruti sul caso abbonamenti: "I dirigenti non sanno fare il loro lavoro"

di Redazione Tutto Napoli.net
articolo letto 20690 volte
Foto

L'intervento del noto giornalista della Gazzetta dello SportAlberto Cerruti, nel corso del Live Show di RMC Sport:

L'Atalanta nell'andata del preliminare di Europa League contro l'Hapoel Haifa ha vinto 4-1 in trasferta. I nerazzurri sono già in forma campionato?
"Non è una sorpresa, l'Atalanta è una realtà e Gasperini è un allenatore straordinario. I nuovi, come Pasalic e Zapata, stanno andando subito a mille e oggi hanno segnato. I nerazzurri hanno mostrato personalità, qualità e freschezza atletica".

Il Napoli non farà abbonamenti per il prossimo anno...
"L'aggettivo giusto è assurdo, però è reale. E come al solito ci vanno di mezzo i tifosi, che sono le vere vittime: non hanno alcuna colpa se i dirigenti non sanno fare il loro lavoro. Stiamo parlando della squadra che l'anno scorso ha rischiato di togliere lo Scudetto alla Juventus".

Quanto l'arrivo di Modric ridurrebbe il gap dell'Inter con la Juventus?
"Sarebbe la pedina perfetta per l'Inter, che con lui diventerebbe la prima rivale della Juve. Non ci sono altri giocatori come il croato: domani sarà la giornata decisiva. Se non dovesse arrivare, i nerazzurri rimarrebbero comunque molto competitivi".

Sarri arriverà a mangiare il panettone?
"Avrà molte difficoltà, ha bisogno di tempo ma il Chelsea non è una squadra che può concederne tanto. Sarà legato ai primi risultati che otterrà".

Il calcio italiano, in Serie B e in C, ci sta dando poche soddisfazioni: c'è il caos totale...
"C'è il rischio paralisi ed è una brutta storia, perchè il calcio italiano non è soltanto la Serie A e Ronaldo. Purtroppo queste sono le conseguenze della nostra crisi dirigenziale: siamo senza presidente, abbiamo tutte situazioni provvisorie e c'è anarchia. Non devono più accadere cose del genere. Il Chievo? È paradossale che venga giudicato a campionato in corso, non verrà mai retrocesso, al massimo subirà delle penalizzazioni. In altri paesi non sarebbe successo tutto ciò".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy