SEZIONI NOTIZIE

Parma, Sepe: "Il napoletano per emergere deve fare il triplo della fatica, difficile cancellare l'etichetta..."

di Redazione Tutto Napoli.net
Vedi letture
Foto

Luigi Sepe è pronto a essere protagonista con la maglia del Parma e dopo essere tornato al club ducale, questa volta in prestito con obbligo di riscatto, ha parlato così al sito ufficiale dei gialloblù: "Essere un calciatore del Parma è una cosa bella e positiva, la Società ha fatto tanto per me facendo in modo che io fossi totalmente del Parma. Ho ringraziato il Presidente, il Direttore e tutti per questo ”premio” che hanno dato alla mia stagione dello scorso anno. Il mio impegno in settimana, le partite giocate e tutto il resto ha fatto sì che il Presidente, il Direttore ed il Mister hanno scelto me per il prossimo campionato e per ciò che verrà. Io cerco di migliorare le mie qualità giorno dopo giorno per poi metterle in campo la domenica. La Società le ha viste in me e sono contento. L’importante è essere tutti quanti felici e speriamo di ripeterci quest’anno“.

Cosa significa sentirsi napoletano? "Il napoletano per emergere deve fare il triplo della fatica rispetto a tutti gli altri, il napoletano quando va in qualsiasi altro posto d’Italia oppure del mondo viene etichettato in un modo non corretto. E’ vero che esistono persone meno belle, meno pulite, ma è anche vero che ce ne sono tantissime altre che lavorano ora dopo ora per cancellare questa etichetta. Io sono di Napoli, vengo da una zona non bellissima di Napoli perché non sono nato ricco ma sono felicissimo di quello che mi hanno dato mio papà e mia mamma, e credo che crescere a Napoli sia molto più difficile rispetto a crescere in qualsiasi altro posto. Ma se riesci a crescere nel modo giusto è un’emozione bellissima, basta vedere lo stesso Izzo e tantissimi altri calciatori napoletani“.

PUBBLICITÀ

Cercherà di confermarsi nella prossima stagione? "Io sono qui perché mi hanno comprato e sono contento di quello che ha fatto la Società che spero di ripagare. Per il resto se sarà l’anno della mia conferma bisogna chiederlo al mister. Io mi impegnerò giorno dopo giorno in allenamento, poi la domenica deciderà il Mister se mandare in campo me, Colombi, Dini oppure Corvi. Inglese? Con Roberto c’è un rapporto bellissimo, ci sentiamo tutti i giorni e siamo più che amici. Non sono cose che posso decidere io. Se fosse per me sarebbe già qui da quattro giorni, da quando abbiamo iniziato il ritiro. Ci sono delle dinamiche che però riguardano le Società, i calciatori e le altre squadre sulle quali noi non possiamo incidere più di tanto. Sceglierà la Società, il Napoli e soprattutto lui“.

Sarà un campionato diverso rispetto all'anno scorso? "È vero che nel 2018 abbiamo fatto tanti punti così come è vero che nel 2019 abbiamo subito un po’ di più, andando in difficoltà. Ora dobbiamo azzerare tutto e ripartire, perché tutte le squadre partono da zero punti e zero gol subiti. Dovremo essere bravi a ripartire come abbiamo fatto l’anno scorso. Durante l’anno del campionato, per tutti e noi compresi, ci sono momenti belli e momenti brutti: sarà importante aver fatto tanti punti nei momenti brutti in modo da poter stare tranquilli“.

Quali sono state le parate più belle della passata stagione? "Le tre contro il Bologna, fatte nel giro di pochi minuti e tutte decisive. Non è facile e non è semplice, non riesce quasi mai. E’ vero che anche quella su La Gumina in casa contro l’Empoli è stata importante perché ci ha fatto portare a casa il risultato così come ricordo alcune parate fatte a Reggio Emilia contro il Sassuolo o contro il Frosinone. Ma non mi piace parlare delle parate che ci hanno fatto fare punti, parlo di quelle con il Bologna perché abbiamo perso in una partita che comunque è stata a due facce considerato il secondo tempo con quattro gol subiti e un mio errore. Mi piace ricordare quella partita come punto di partenza perché ho fatto tante cose buone e tante non buone“.


Altre notizie
Venerdì 20 Settembre 2019
16:57 In Primo piano Ariekkolo: i successi del Napoli passano dai gol di Milik 16:50 Le Interviste Sky, Marchetti: "Ancelotti si divertirà, il reparto offensivo è affollato e di qualità. Sui rinnovi..." 16:40 Le Interviste Mudingayi: "Mertens ama Napoli, trovandosi bene ha fatto tanto e raggiungerà altri obiettivi" 16:30 Le Interviste Padovan ammette: "Ero perplesso sull'acquisto di Di Lorenzo, ma ho cambiato idea" 16:20 Le Interviste Marolda: "Bisogna migliorare nell'attenzione difensiva. Con il Lecce spazio al turnover" 16:10 Calciomercato Ag. Hysaj: "Rinnovo? Mi piacerebbe fosse rivalutato come Mario Rui. Per 3 anni è stato al top" 15:59 In evidenza Kiss Kiss - Rinnovi Mertens-Callejon, il Napoli ha proposto contratti alle stesse cifre attuali 15:50 Le Interviste Sarri in conferenza: "La mia Juve? Se vi aspettate giochi come il Napoli, forse non lo vedrete mai" 15:40 Le Interviste Iezzo elogia Meret: "Diventerà tra i più forti del mondo. Koulibaly sarà il vero leader del Napoli" 15:30 Le Interviste Sconcerti: "Napoli, ora devi accelerare: vinci le prossime tre per la vetta" 15:20 Giovanili Primavera, domani azzurrini di scena a Bologna: i convocati di Baronio 15:10 Le Interviste L'ex Bogliacino: "Il Lecce gioca bene, ma il Napoli ormai è di livello mondiale" 15:00 Le Interviste Mario Rui sui nuovi: "Mercato è stato grandioso. Llorente un campione, ma ha umiltà. Elmas, che personalità" 14:50 Le Interviste Scozzafava: "Con il Lecce è arrivato il momento di Milik. Insigne fondamentale per l'equilibrio di Ancelotti" 14:40 Le Interviste SSC Napoli, Formisano: "Riparte campagna abbonamenti con prezzo ridotto di una gara. Fidelity vantaggiosa..." 14:30 In evidenza Pres. Empoli: "Di Lorenzo? Il Napoli è sveglio, ha anticipato Atletico e Inter. Su Mario Rui e Zielu..." 14:20 Le Interviste Bucchioni: "Il Napoli ora sfrutti il calendario, a Lecce con la stessa mentalità del Liverpool" 14:10 Le Interviste Zazzaroni: "Callejon verso il rinnovo, distante Mertens perché chiede più soldi" 14:00 Notizie Niente conferenza per Ancelotti: il tecnico non parlerà alla vigilia del Lecce 13:50 Rassegna Stampa Chiesa, CR7, Manè: Di Lorenzo potete chiamarlo il ferma campioni